Blog e News

Blog e News

  1. Home
  2. /
  3. Blog
  4. /
  5. Impresa
  6. /
  7. Rintraccio attività lavorativa

Rintraccio attività lavorativa

Il rintraccio attività lavorativa (o rintraccio posto di lavoro) è un report dettagliato, finalizzato all’accertamento della posizione lavorativa di un persona fisica, con residenza almeno fiscale sul territorio nazionale, nelle sue diverse forme – autonomo, dipendente etc. – o alla sua effettiva occupazione.
Il report ha anche lo scopo di ottenere una stima del salario e/o di altri emolumenti percepiti per procedere, eventualmente, al pignoramento presso terzi.

Il report, qualora il soggetto in esame sia in pensione, mira a ottenere indicazioni riguardo: il trattamento pensionistico di cui è titolare, l’ente previdenziale che eroga la pensione e il reddito annuo lordo.

Il rintraccio attività lavorativa è un segmento, spesso rilevante, delle indagini investigative: puoi approfondire l’argomento leggendo questo articolo.

Rintraccio attività lavorativa: chi può richiederlo e quando farlo

Nella maggior parte dei casi a richiedere questo tipo di accertamento è un soggetto, persona fisica o giuridica, che vanta un diritto di credito e può trovarsi nell’incresciosa situazione di dover inseguire il debitore.

Come è noto, in Italia oltre il 50% delle transazioni è a credito e il pagamento viene effettuato – solitamente – a 30, 60 e, in alcuni casi, 90 giorni dall’emissione della fattura.

Stesso discorso può essere fatto per i pagamenti rateizzati, scelta preponderante quando l’importo da corrispondere è consistente o per certe tipologie di lavoro, come ad esempio la prestazione erogata da un’impresa edile per rinnovo locale.

Nel malaugurato caso in cui il soggetto vanti un diritto di credito, l’indagine ha lo scopo di accertare l’attuale posto di lavoro e la relativa retribuzione per poter adire le vie legali e procedere, se possibile e nei limiti previsti dalla legge, al recupero credito o pignoramento presso terzi.

Rintraccio attività lavorativa come indagine preliminare

L’indagine può essere anche effettuata in un momento precedente all’istaurarsi del rapporto.

In talune circostanze – prima della stipula di un contratto, ad esempio – è necessario tutelarsi invece di correre ai ripari quando il danno ormai è fatto.

Ricorrere a questo tipo di indagine può far risparmiare al soggetto interessato noie future come lungaggini procedurali e impossibilità di recuperare un credito vantato.

È vero, il rintraccio attività lavorativa, non è l’unico mezzo per definire la solvibilità creditizia – anche eventuale – di una persona, ma può offrire una differente prospettiva sulle referenze e valutare a priori la situazione retributiva oltre che la veridicità delle sue affermazioni.

Quando effettuare il rintraccio dell’attività lavorativa?

  • per verificare la posizione lavorativa di una persona fisica;
  • per scoprire se un debitore risulti effettivamente impiegato presso un’azienda;
  • per valutare a priori la capacità reddituale di una persona fisica;
  • per notificare un atto a quel debitore che risulta essere irreperibile presso il suo domicilio.

Rintraccio attività lavorativa e recupero credito

Come già esposto in precedenza il rintraccio attività lavorativa permette di verificare diversi dati utili ed è necessario per il richiedente – al fine di porre in essere il rintraccio attività lavorativa – essere in possesso di nome, cognome, data di nascita e codice fiscale della persona oggetto di indagine.

Grazie a questi dati sarà possibile risalire a una serie di informazioni determinanti per l’eventuale recupero di un credito vantato, quali:

  • dati anagrafici;
  • attività svolta;
  • eventuali cariche aziendali;
  • presenza – anche in questo caso eventuale – di trattenute in busta paga o sul cedolino della pensione come la cessione del quinto – per valutare se vi sia capienza per un eventuale pignoramento presso terzi -, con indicazione della presunta data termine.

In più, è possibile effettuare ulteriori ricerche che sommano dati dell’attività lavorativa con il rapporto bancario e sarà possibile in questo caso rilevare anche: protesti e pregiudizievoli – pignoramenti, ipoteche e sequestri – e effettuare una visura catastale nazionale.

L’indagine contiene inoltre molteplici informazioni concernenti l’attività lavorativa:

  • sede;
  • datore di lavoro;
  • tipo di contratto in essere (se è a tempo determinato viene riportata anche la data di scadenza);
  • la data di assunzione;
  • la retribuzione lorda stimata su base mensile o annuale.

Nel caso di autonomi, eventuali cariche ricoperte (amministratore o socio di una o più imprese) e cointeressenze economiche, come ad esempio partecipazioni.

Noi di Team Service possiamo fornirti queste ed altre informazioni: scopri di più.

Il servizio mira a definire il tipo di rapporto lavorativo – forma autonoma, subordinata – della persona oggetto di indagine e individuare il salario percepito, in modo da poter effettuare, nei limiti consentiti dalla legge, un pignoramento presso terzi.

Il rintraccio attività lavorativa è importante anche nel caso in cui l’ex coniuge voglia revisionare l’assegno di mantenimento o per valutare in fase di separazione o divorzio la veridicità delle buste paga presentate dal coniuge.

Rintraccio attività lavorativa e procedura legale

L’identificazione dell’attività lavorativa, del datore e degli emolumenti percepiti dalla persona oggetto di indagine e l’individuazione univoca dell’Ente che eroga il trattamento pensionistico permettono a chi vanta un credito di adire le vie legali.

Il rintraccio attività lavorativa consente anche di appurare l’esistenza o meno di protesti, oltre che una stima sul reddito lordo: tutte informazioni necessarie per conoscere la reale capacità economica del debitore e agire di conseguenza.

Il report rintraccio attività lavorativa diventa dunque uno strumento necessario nell’ambito di un contenzioso; è altresì indispensabile per valutare, di contro, se sussistono i presupposti per avviare un’azione legale di recupero crediti.

In una fase preliminare, quando non è ancora sorto alcun tipo di rapporto formale, il rintraccio attività lavorativa fa pendere l’ago della bilancia a favore della situazione più conveniente: stipulare o no un contratto, erogare oppure no un determinato servizio e così via.

Noi di Team Service forniamo questo fondamentale servizio e lo suddividiamo in tre differenti report che differiscono l’uno dall’altro in base alle informazioni fornite: Attività lavorativa, Attività lavorativa plus e Attività lavorativa + rapporto bancario.

Se desideri ottenere maggiori informazioni e richiedere anche adesso il report, visita questa pagina.

Hai bisogno di un consulto?
Scopri qual è il centro Team Service più vicino a te, sfoglia questa mappa.

Condividi su

Ultimi Articoli

Team-Service-blog-novembre_GDPR
GDPR: cos’è e a che serve?
Team-Service-blog-novembre_catasto
Catasto: quali novità dal DDL 2022?
Team-Service-blog-novembre_Legge-bilancio
Legge di bilancio 2022 e imprese: cosa cambia per le aziende?
Team-Service-blog-novembre_Rintraccio-eredi-e-rinuncia-all’eredità
Modalità e procedure di ricerca per rintracciare gli eredi
Team-Service-blog-ottobre_Traduzioni-giurate--cosa-sono-e-a-cosa-servono (1)
Traduzioni giurate: cosa sono e a cosa servono
Team-Service-blog-ottobre_HACCP-privati-e-aziende
L’HACCP per privati e aziende
Team-Service-blog-ottobre_CyberExpert
Cyber security e sicurezza informatica: tutela i tuoi dati dagli attacchi hacker con CyberExpert
Team-Service-blog-ottobre_Relazione-tecnica-asseverata
Relazione tecnica asseverata
Team-Service-blog_Trascrizione-in-conservatoria-(3)
Trascrizione in conservatoria: cos’è e in quali casi effettuarla?
Team-Service-blog_servizi-per-P
Scadenze e servizi per Partita IVA 2022
Cerca